Le mie proposte - Art counseling

Piccoli semi da far fiorire

Un percorso di yoga e counseling

 

“Piccoli semi da far fiorire” è una proposta rivolta alle donne. Sono cinque incontri che si possono svolgere in una delle sedi dove lavoro oppure online. Essi prevedono una pratica fisica, semplice ed accogliente, in sintonia con la nostra femminilità e la nostra ciclicità, unita al lavoro sul respiro, alla meditazione e ad un lavoro artistico che ha come obiettivo il far emergere quel sentire profondo e intuitivo che ci guida al nostro vero Sé.

Gli incontri durano un’ora e mezza e hanno una frequenza quindicinale. Sono incontri esclusivi, che variano da donna a donna, e necessitano perciò di un colloquio iniziale di conoscenza reciproca.

  1.  SEMI DI PRESENZA Portare presenza nel nostro quotidiano significa accorgersi di ciò che muove i nostri pensieri, il nostro fare, il nostro modo di vedere il mondo, gli eventi, le persone e di come interagiamo con tutto questo. La prima tappa del nostro percorso ci sarà utile per stabilire un contatto vero e sincero con noi. Proprio per questo dedicheremo tempo al lavoro sul corpo e sul respiro, fondamenti primari sia del nostro essere-nel-mondo, sia del nostro incarnare il vissuto emotivo. Non conosciamo veramente noi stessi se non siamo in grado di sentire, prima, e di dare un senso, poi, a queste percezioni fisiche. Lasceremo che il corpo e che il respiro parlino di noi attraverso le forme e impareremo ad agire lasciando che queste sensazioni ci facciano da bussola.
  2. SEMI DI CONSAPEVOLEZZA. Dove sono in questo momento della mia vita? Che passi ho fatto, qual è il mio presente? Consapevolezza è imparare a vedere le cose, le persone e gli eventi in modo diverso da quello ordinario, appiattito dalle nostre abitudini mentali e dai nostri preconcetti. Sono consapevole dei meccanismi che determinano il mio guardare? Riesco ad osservare le dinamiche della mia vita e i passaggi fatti con occhi di non giudizio, di accettazione, d’amore? Oltre al lavoro corporeo, la seconda tappa aprirà le porte anche all’arte espressiva, valido strumento per andare al di là della mente. Incontrare quel luogo in noi abitato da intuizione e creatività farà emergere nuove soluzioni.
  3. SEMI DI UNIONE Quando guardo me stessa e la mia storia, che cosa vedo? Quali parti di me amo, quali non accolgo? Sono consapevole delle mie risorse interiori, delle mie capacità? Lo yoga è un invito costante ad unire ed armonizzare la nostre parti, mettendole insieme come i pezzettini di un meraviglioso puzzle che ha senso solo nel suo essere completo. Crescere significa avere rispetto per questa totalità, significa saper prenderci il tempo necessario per non lasciare indietro niente di noi. Insieme ad un lavoro yogico preciso sul quelle aree del corpo che presentano blocchi energetici, dedicheremo la parte artistica alla propria biografia personale. Sarà l’occasione non tanto di guardare il passato, ma di ammirare il percorso fatto fino a quel momento.
  4. SEMI DI BELLEZZA Quanta bellezza c’è in noi che non vediamo? Quanta bellezza nel nostro corpo, nei nostri gesti, nel nostro cuore? Fermarsi ad osservare la donna che siamo, permetterci di onorarla così com’è e imparare a nutrire di volta in volta ciò che emerge, significa riuscire a valorizzare ogni aspetto proprio perché sacro. Quali sono le azioni concrete che possiamo fare per dare valore a questa bellezza? Quali spazi quotidiani possiamo (e dobbiamo!) dedicarci per alimentarla? Lavoreremo sulla bellezza nel corpo e coi colori per scoprire bellezza.
  5. SEMI D’AMORE In questa fase la parola d’ordine sarà cura. Ogni cosa che vive, che nasce e che cresce ha bisogno di una cura tutta sua. Come posso prendermi cura di me? Come posso prendermi cura della vita che mi circonda e che mi abita? Il rilassamento e la meditazione saranno le chiavi d’accesso a questo ultimo incontro perché ci aiuteranno ad “aprire la porta” verso il nostro Sé più profondo, luogo dell’inseparabilità e dell’Amore. 

 

L’impegno economico per l’intero percorso è di 150 euro.

Progetto “Tribù in movimento”

 

Il progetto “Tribù in movimento” nasce dall’esigenza di proporre ai giovani, in quella fase delicata della loro crescita qual’ è la preadolescenza e l’adolescenza, una serie di incontri-laboratori in cui possono sperimentarsi, lasciando emergere i loro vissuti emotivi e le loro difficoltà.

Verranno utilizzate appositamente tecniche diverse, dall’ arteterapia (teatro, argilla, danza, arte, musica) alle tecniche di yoga (ascolto del corpo, rilassamento, meditazione), proprio per poter facilitare la comunicazione, l’espressione dei propri talenti e della propria unicità, accrescendo in questo modo l’autostima e la fiducia.

Gli incontri termineranno sempre con riflessioni personali e di gruppo (circle time), così da sviluppare un clima di relazione e di comprensione.

Gli incontri sono rivolti prevalentemente a gruppi-classe, ma è possibile strutturare un progetto per gruppi interclasse, lavorando in questo modo su specifiche difficoltà.

La durata degli incontri è di due ore.

Il cerchio delle farfalle – Incontri artistici-olistici per donne

Il processo di guarigione, inteso come ritorno all’interezza, è un processo che riguarda il sentire, l’accettazione, la ri-creazione di se stessi in armonia con le proprie polarità e con l’universo intero. In questi incontri di condivisione ci si prenderà cura di sé, andando a ritrovare parti di noi che hanno bisogno di essere guardate e ascoltate. Si utilizzeranno tecniche semplici per imparare ad entrare nella saggezza del corpo e del respiro, così da riconquistare la nostra energia, unite a tecniche di arte espressiva, utile strumento per connettersi alla voce della propria anima. Sarà un tempo per sperimentare il proprio mondo interiore attraverso i colori, il disegno, il movimento creativo, la meditazione e l’argilla. In ogni incontro verrà affrontato un tema diverso (i sogni, l’amore, le emozioni, il cambiamento, gli ostacoli ecc.) che avremo modo di esprimere liberamente mettendoci in gioco in maniera insolita, creativa e intuitiva. Non occorrono competenze o abilità artistiche, ma solo la disponibilità ad aprire il cuore!